logo

 In un ricorso curato da Pasquale Rinaldi dello studio legale Rinaldi/Ferosi  di Monte S. Angelo relativo ad una interdittiva antimafia, ha ottenuto una sentenza che farà discutere, sembra essere la prima in tal senso.  Il Tar di Bari ha sospeso gli atti inerenti l’interdittiva antimafia trasmettendoli alla corte di giustizia europea perché il Tar ritiene che ci debba essere un contraddittorio tra l’azienda che subisce l’interdittiva e la prefettura. Vi alleghiamo quanto scritto dal Tar.

https://www.giustizia-amministrativa.it/web/guest/-/alla-corte-di-giustizia-la-mancanza-della-fase-del-contraddittorio-prima-dell-emissione-dell-informativa-antimafia-interdittiva