logo

Misurazione della febbre, distanziamento sociale e continua igienizzazione delle mani.
La parrocchia del "Carmine" di Monte Sant'Angelo si sta mettendo in gioco con una ricca settimana di animazione. "Per necessità di sicurezza sanitaria - sottolinea il parroco don Domenico - abbiamo dovuto offrire l'annuale proposta oratoriale solo al gruppo di terza media. É un grest costruito sulle linee guida regionali per le attività ricreative post coronavirus. Un segno di vicinanza alle famiglie, sostenuto da un bel gruppo di animatori. Per questi ultimi abbiamo costruito anche una serie di iniziative educative estive". Lo slogan scritto sulle colorate magliette dei ragazzi è: "Mettiti in gioco". Si tratta di scoprire cose e persone che contribuiscono, con il loro impegno, a costruire una società più giusta e solidale. Tante attività di gioco, scelte tra quelle che tutelano la salute di tutti. I ragazzi, infatti, vengono invitati spesso a lavare le mani e la loro presenza è riportata in un apposito registro. Ogni giorno ci si confronta con una persona che si è messa in gioco nella propria professione e vocazione. In questo modo i partecipanti al Grest del "Carmine" intervisteranno: il Sindaco, il Vescovo, un dottore anti covid e il Comandante dei carabinieri.