Partirà domani da Monte Sant’Angelo, ‘Daunia, un racconto sempre nuovo’, il progetto firmato dall’associazione Ambiente Nautilus.  Coinvolgerà circa 800 studenti residenti in 8 Comuni della Capitanata.

Si intitola “Daunia, un racconto sempre nuovo” il progetto elaborato dall’associazione Ambiente Nautilus di Manfredonia, da anni impegnata nell’ambito dell’educazione e dell’informazione ambientale indirizzata alla sostenibilità. Giunto alla seconda edizione e patrocinato dal Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo e da Pugliapromozione,  il progetto si inserisce nel quadro delle azioni finalizzate al potenziamento dell’educazione al patrimonio culturale, artistico e paesaggistico.

Rispettando gli obiettivi didattici che ciascun Istituto di ogni ordine e grado persegue per l’anno scolastico in corso, il progetto – afferma Vincenzo Renato, presidente dell’associazione Ambiente Nautilus - intende costruire una cittadinanza piena quale elemento fondamentale per educare i giovani alla conoscenza e alla tutela del patrimonio culturale, artistico e paesaggistico e si propone di trasmettere alle future generazioni il valore che lo stesso patrimonio ha per la comunità, valorizzandone appieno la dimensione di bene comune e il potenziale che può generare per lo sviluppo democratico del Paese. Inoltrecontinua Renato – vuole insegnare a raccontare il territorio partendo dalla storia e immaginando i futuri e positivi scenari che potrebbero delinearsi per la Daunia grazie all’attivazione di valide iniziative di marketing territoriale’.

Le attività del progetto, coordinate dall’architetto Luigi Scuro, vicepresidente dell’associazione Ambiente Nautilus e responsabile del Centro di Storia e Cultura della Dauni, sono finalizzate a far emergere la consapevolezza nei giovani di appartenere a un territorio speciale - come quello dauno - dove la storia e le tradizioni continuano a custodire straordinari ‘tesori’, alcuni dei quali non ancora completamente conosciuti. Gli incontri si svolgeranno all’interno di attrattori culturali e di siti di interesse storico-artistico per ricordare a tutti che la storia, quella che si studia sui libri di testo a scuola, ha lasciato segni del suo passaggio sul territorio, spesso in maniera indelebile. Durante gli incontri di “Daunia, un racconto sempre nuovo” si parlerà della ‘Via Francigena nel Sud’ e del ‘Medioevo di Capitanata tra fede, arte e tradizione’, due argomenti che permettono di descrivere percorsi culturali di alto profilo e grande interesse.

Otto i Comuni della Capitanata che ospiteranno le attività del progetto. Sono: Bovino, Cagnano Varano, Lucera, Manfredonia, Monte Sant’Angelo, San Marco in Lamis, San Severo e Troia.

I primi due appuntamenti si svolgeranno domani (martedì 7 novembre) e dopodomani (mercoledì 8 novembre) nella sala conferenze del Castello Normanno Svevo Angioino Aragonese di Monte Sant’Angelo. Coinvolgeranno complessivamente 130 studenti dell’Istituto comprensivo Tancredi Micarelli che, inoltre, giovedì 9 e venerdì 10 novembre, con una ‘nuova’ consapevolezza, avranno anche l’opportunità di visitare i luoghi protagonisti del capitolo del ‘racconto’ dedicato a  Monte Sant’Angelo.

Il progetto gode del patrocinio gratuito di: Ordine degli Architetti di Foggia, CDO Foggia, Confguide, Gal Meridaunia, Gal Daunofantino e Consorzio, Proloco Gargano.


  style="display:block; text-align:center;"
data-ad-layout="in-article"
data-ad-format="fluid"
data-ad-client="ca-pub-9368925693456427"
data-ad-slot="2162423945">