Ti dono l'anno che è stato,

perché esso nonostante tutto profuma di te.

Ti dono l'anno che verrà,

perché sarà grazie a te che accadrà.

Perché sei tu che trasformi il mio tempo

da abbandono in dono, da ripetizione in sorpresa.

Ti dono l'anno che non sarà

perchè esso, in te già fin d’ora, sia.

Ti dono ciò che finisce,

perchè so che, se finisce, in te esso dura.

Ti dono ciò che comincia

perché, anche se ritarda,  ha già la tua forma.

Ti dono gli attimi perduti,

perché sia tu a farli tornare nel tempo che io non so.

Ti dono l’anno in cui non ci sarai,

perché possa darti oggi quello che non potrò darti allora.

Ti dono il tempo che mentre toglie, dà,

perché sia tu a cucire i passaggi della mia vita.

Ti dono la mia nascita e il mio morire,

perché tu possa fermare il tempo in un tempo senza tempo.